Al mio caro papà...

venerdì 25 aprile 2008

25 aprile, San Marco

Il 25 aprile, San Marco, come tutti sanno si festeggia la festa della liberazione. Non tutti sanno però che lo stesso giorno a Venezia si commemora la morte del Santo evangelista Marco, santo patrono della città di Venezia.
E' usanza tra i veneziani far omaggio di un "bocolo", ovvero un bocciolo di rosa, alle proprie amate: mamma e fidanzata.
Questa festività chiamata appunto Festa del Bocolo, ricorda le gesta di San Marco che durante la sua vita ha evangelizzato i popoli veneti, diventando così simbolo di Venezia, attraverso l’icona di un leone alato. Il leone alato è diventato il simbolo del Santo perché questi inizia il suo Vangelo ricordando la voce del Battista che, nel deserto si eleva simile a un ruggito, preannunciando agli uomini la venuta di Gesù. Il leone diventò in breve anche il simbolo della Serenissima Repubblica di Venezia. Armato di spada e munito di libro recita la frase latina “Pax tibi Marce evangelista meus”, pace a te o Marco mio evangelista. Il libro, aperto nei tempi di pace, veniva invece raffigurato chiuso ed accompagnato da una spada con la punta rivolta al cielo in tempi di guerra. Le reliquie del Santo, secondo la tradizione vennero portate da Alessandria d'Egitto, dopo essere state trafugate da una spedizione da parte di due coraggiosi marinai, Rustico di Torcello e Bon di Malamocco. Io come tradizione richiede omaggerò di un "bocolo" mia mamma e mia moglie, desidero però omaggiare con questa rosa virtuale tutte le donne che oggi passano per questo blog, quale segno di augurio e di amicizia in onore di San Marco.

24 commenti:

  1. non conoscevo l'usanza del bocolo grazie e buon ponte

    RispondiElimina
  2. Ecco io voglio essere la prima a beccarmi questo boccolo virtuale!
    Grazie! Grazie!
    Buona festa!

    RispondiElimina
  3. Ops, non sono la prima! Sorry! Il nome Caravaggio mi ha ingannata!
    Ciao!

    RispondiElimina
  4. Ciao e anche se da te non accetto la rosa ti auguro un buon 25 aprile sia x la liberazione e sia x San Marco. Anzi... più x San Marco :)

    RispondiElimina
  5. Grazie, la conoscevo già questa storia....buon 25 aprile

    RispondiElimina
  6. copia pure la mia ricetta, mi fà piacere che ti sia piaciuta...
    grazie per la visita, torna quando vuoi che sei il benvenuto...

    RispondiElimina
  7. caravaggio: è un'usanza molto sentita ma limitata a Venezia e provincia. Ciao

    graziella: diciamo che sei la prima veneziana a ricevere il bocolo virtuale. Ciao

    ebalsemin. ciao vecchio mio, infatti a meno che tu non abbia cambiato sesso, ho specificato che la rosa è riservata esclusivamente alle Signore. Buona festa di San Marco, ciao :))

    nuvoletta: ciao nuvoletta, buon 25 aprile.

    lilith: grazie dell'ospitalità, tornerò a trovarti. A presto.

    RispondiElimina
  8. Bene... oggi ho scoperto una nuova cosa!!!!!!
    Bacino

    RispondiElimina
  9. Grazie Stef,
    è una bellissima storia, volevo ben dire che dopo tanta poubblicità non ci raccontavi nulla del bocolo.
    Ora so il significato e perchè.
    Accetto la tua rosa, grazie !

    RispondiElimina
  10. Grazie per il bocolo virtuale e per questo post che mi ha fatto conoscere un'altra usanza della mia cara Venezia (anni di Ca'Foscari me l'hanno fatta e me la faranno conoscere bene ancora per un pò...)

    RispondiElimina
  11. anche se è passato da poco,vista l'ora, e siamo già al 26 spero che omaggerai anche me con un bocolo!
    ciao a presto!

    RispondiElimina
  12. morettina: ciao morettina, un abbraccio. ;))

    rosatea: non potevo non spendere due parole per una festività così importante per noi. Ciao Rosa

    laura: ma allora conosci già Venezia e la sua cucina!!! ;)) Ciao

    giusy: ma certo che ti dono un bocolo, ci mancherebbe altro!!! :))) Ho aggiunto il tuo link tra gli amici del mestolo & paiolo.
    Ciao Giusy

    RispondiElimina
  13. la ricetta originale prevede 24 uova,molto probabilmente unico cibo di un picnic napoletano buona giornata

    RispondiElimina
  14. la rosa rossa la riservo a tua moglie.....io mi prendo quella rosa porcellana, che non si vede ma.......
    lì un po' spostata nella foto di sicuro c'è, grazie e bella questa usanza, non la conoscevo.

    RispondiElimina
  15. ciao tutto ok? dai un abbraccio alla tua bella terra...in cui vengo ogni estate ho dei parenti ... mi sento un pò veneta anche io...
    baci

    RispondiElimina
  16. nemmeno io conoscevo l'usanza ...
    grazie per la bellissima rosa virtuale... a presto!

    RispondiElimina
  17. Grazie Stefano..buon week end!

    RispondiElimina
  18. nulla in contrario...anzi è un piacere a presto
    baci

    RispondiElimina
  19. Non conoscevo qsta usanza..ma cmq è molto romantica :)

    Ciao ste e buon fine settimana ^__^

    Il Paradiso Dei Dannati
    http://paradisodeidannati.blogspot.com

    RispondiElimina
  20. post davvero interessante!
    auguri a tutti i marco!!

    RispondiElimina
  21. Molto interessante, del 25 aprile io non lo potrò mai dimenticare io lo vissuto il primo 25 aprile del 1945 che festeggio con gioia,
    quella del patrono di Venezia, San Marco lo ignoravo, ora però grazie a te lo ricorderò, sai nella vita fino che c'è un respiro c'è sempre da imparare lo vedo quotidianamente.
    Un forte abbraccio caro Stefano,

    Tomaso

    RispondiElimina
  22. Grazie del pensiero, ci credi che non ne ho MAI ricevuto uno?

    RispondiElimina
  23. @elisabetta: faccio fatica a crederci, ad ogni modo considera questo come il primo,...anche se virtuale. Ciao

    RispondiElimina

Grazie della visita e del commento, risponderò nel tuo blog.
I commenti anonimi saranno rimossi.

Si è verificato un errore nel gadget

I miei premi - My awards

 

blogger templates