Al mio caro papà...

venerdì 4 marzo 2011

Il cren

Ovvero la radice di rafano. Nel nord Italia  esistono alcune varianti regionali di questa salsa. In Veneto è molto diffusa, ha sapore deciso e marcato,  è utilizzata per accompagnare principalmente piatti di bollito ed anche arrosti. La si trova in commercio già pronta in vasetto, ma quella preparata in casa e decisamente migliore. Attenzione quando la si grattugia, vi consiglio di farlo all'aperto, al confronto la cipolla è un toccasana per gli occhi
Ingredienti: Una radice di rafano, circa 1/2 bicchiere di aceto di vino bianco.
Preparazione: lavate la radice, sbucciatela con un pò di pazienza e grattugiatela finemente, mettetela in un vasetto di vetro ed aggiungete mezzo bicchiere scarso di aceto di vino bianco. Lasciatela riposare qualche giorno in frigo, chi preferisce un sapore particolarmente forte e piccante può utilizzarla anche subito. Strepitosa nelle portate di lessi, si usa anche per gli arrosti. Per la conservazione per periodi lunghi aggiungete un filo d'olio e.v. d'oliva.

15 commenti:

  1. Stefano, da quando papà è salito in cielo non ho più mangiato il cren, quello fatto in casa, ho provato ad acquistarlo ma è tutta un'altra cosa. Quanti ricordi..... del momento del grattugiamento, in tavola con il bollito misto, guai se mancava la ingua.....
    E' un gusto che non si dimentica mai!

    RispondiElimina
  2. davvero interessante, l'unica pecca è riuscire a trovarlo non mi pare di averlo mai visto nei mercati... grazie! ciao Ely

    RispondiElimina
  3. ma pensa te!!! lo sto usando adesso con i mirtilli...per il pesce.ciao.

    RispondiElimina
  4. Ecco qui si impara molte cose, mi ricordo che questa radice non era per niente buona, ora con la specialità che sanno fare diventa qualcosa di buono, che io naturalmente non piace caro Stefano.
    Buona serata amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Carissimo grazie, me l'hanno sempre dato ... questa volta quando sarò in montagna, mi farò dare la radice e proverò la tua ricetta.
    Mandi

    RispondiElimina
  6. hAI DIMENTICATO DI DIRE CHE QUANDO SI MANGIA TI VA DRITTO AL CERVELLO..
    hihihihi
    :-D

    RispondiElimina
  7. Stefano, ne abbiamo spessissimo sentito parlare del cren, ma non abbiamo mai avuto occasione di assaggiarlo, ma per natura siamo molto curiosi e dato che il bollito lo prepariamo ogni tanto, ci daremo da fare per trovare la radice di rafano, così qualche giorno prima la grattugiamo e la teniamo in frigorifero, come hai consigliato. Non amiamo molto le salse già pronte, preferiamo prepararcele in casa.
    Buon sabato sera
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  8. Muy buena e interesante aportación!!

    RispondiElimina
  9. CIAO EPIACERE DI CONOSCERTI!!
    IO LA RADICE DI RAFANO NON L'HO MAI MANGIATA...MI INCURIOSISCE MOLTO!!!!
    BUONA CUCINA E COMPLIMENTI PER IL TUO BLOG!!!!

    RispondiElimina
  10. Ciao,un'amica rumena mi ha portato il cren da grattugiare.E' fantastico,arriva dritto al cervello con un gusto mai sentito prima.Da provare!!Simona

    RispondiElimina
  11. Mai mangiato ne mai visto. Incuriosisce.
    Buona notte :-)

    RispondiElimina
  12. Ma è da perdersi per ore dentro al tuo blog! Slurp!

    RispondiElimina
  13. Per Ely
    il cren io lo trovo tranquillamente nel reparto frutta dell'ipermercato emisfero di Vicenza, forse perchè nella zona è molto utilizzato, però nei mesi di novembre e dicembre.
    Fiorella

    RispondiElimina
  14. grazie del consiglio non so mai come adoperlo :-)

    RispondiElimina

Grazie della visita e del commento, risponderò nel tuo blog.
I commenti anonimi saranno rimossi.

Si è verificato un errore nel gadget

I miei premi - My awards

 

blogger templates