Al mio caro papà...

domenica 18 maggio 2008

Fiori di acacia fritti

Il fiore di acacia, che dalle nostre parti è detto "fior de gasìa", può diventare un piacevole dolce . Ricordo di averlo mangiato sin da bambino. E' un fiore molto delicato, va raccolto prima che sia rovinato dalla pioggia ed ovviamente è consigliabile raccoglierlo nei campi. La preparazione è molto semplice, gli ingredienti non li ho pesati, sono andato ad "occhio". E' diffusa anche una versione salata, assolutamente squisita, in questo caso sostituite lo zucchero con un pizzico di sale.
Ingredienti: fiori di acacia, farina tipo "00", 1 uovo, poco latte, acqua minerale freddissima, 1/2 cucchiaio di zucchero, olio per friggere.
Preparazione: preparate la pastella sbattendo l'uovo e incorporandovi, poco latte freddo, l'acqua frizzante fredda, la farina e lo zucchero in quantità a piacere, per me è bastato 1/2 cucchiaio. Mescolate molto bene per evitare la formazione di grumi, fino a quando avrete ottenuto un composto liscio e cremoso. Immergete i grappoli di fiori d'acacia, fateli sgocciolare e friggeteli pochi per volta in abbondante olio bollente. Poneteli su di un piatto con un foglio di carta assorbente affinchè ne assorba l'olio in eccesso.

53 commenti:

  1. Non posso crederci... dopo la crema fritta i fiori di gaggia! Da noi si chiamano così!. Ottimi, li mangiavo sempre da bambina.
    Ciao paola

    RispondiElimina
  2. vicino casa c'è un terreno pieno di alberi di acacia ... vorrei provare questa tua proposta davvero interessante!!!
    ps
    da noi l'albero vieno chiamato : "caggio spino"
    a presto!

    RispondiElimina
  3. Che bella scoperta questa ricetta!
    Peccato non sappia dove trovare i fiori di acacia!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  4. Caro Stefano pardon mestolo ora ricordo di questi fiori non so se ricordi che ti avevo accennato che in Italia ho un vicino di casa che viene da Venezia, ebbene l'hanno scorso li ha portati fritti erano veramente squisiti, tu sai dal nulla creare dei
    dolci impareggiabili vedi non siamo tanto lontani in Italia ma da noi non avevo mai visto che si possono friggere in quel modo,
    un caro saluto e ti assicuro passerò ancora per scoprire le tue semplici novità...

    RispondiElimina
  5. ah che buoniiii! ieri stavo per raccoglierli ma poi ha iniziato a piovere e son dovuta scappare a casa col bottino a metà! :-(
    mangerò questi tuoi... con gli occhi :)

    RispondiElimina
  6. ma questa delizia qui dov'e'che l'hai scovata??
    buonissima ;d

    RispondiElimina
  7. Fiori di accacia mai mangiati, dalle mie parti non ci sono questi alberi...:)

    RispondiElimina
  8. che belle ricettine stefano! sono stata via poco e voi vi siete dati da fare! bravi! devo mettermi con calma e leggere bene tutto!
    baci baci

    RispondiElimina
  9. paola: anche io li mangiavo spesso da bambino, mi piace prepararli anche per quello. Ciao Paola

    panettona: provali, sono una specie di frittella, solo più delicata.
    Ciao Pane

    sere: benvenuta sere, da noi gli alberi d'acacia si trovano un pò dappertutto, nei campi, nei boschetti, nei parchi.
    Ciao, verrò a trovarti.

    tomaso: mi pareva impossibile che non li avessi mai assaggiati!
    Ciao Tomaso

    salsadisapa: mannaggia che peccato!! Le delizie comunque non mancano nel tuo blog. Ciao

    mirtilla: è uno dei tanti dolci popolari della zona. Ciao ;)

    nuvoletta: sono proprio un bel dolcetto, dovresti provare. Ciao

    manu: ciao Manu, bentornata! Spero ti sia divertita. Ciao

    RispondiElimina
  10. non li ho mai mangiati ma devono essere una bontà infinita:-)
    Annamaria

    RispondiElimina
  11. Questa fiori fritti devono essere deliziosi e profumatissimi, quanto vorrei assaggiarli! Ciao, Val

    RispondiElimina
  12. E con questi mi hai steso!
    Sono una delle cose più buone che abbia mangiato in vita mia!
    Tentatore!

    RispondiElimina
  13. Questa poi mi giunge proprio nuova. mai visto niente del genere, i fiori d'acacia fritti...Hanno un aspetto buonissimo. Adoro questo cose sfiziose, grazie per tutti i complmenti che mi hai fatto. Troppo buono...Sally

    RispondiElimina
  14. Stefano stasera mi hai proprio stupita! E chi lo sapeva che i fiori d'acacia si potessero mangiare fritti?! Ne deduco che in veneto si trovino...bene..tra due settimane sono in zona e me li procurerò..un abbraccio! Lety

    RispondiElimina
  15. Che buonissima ricetta!
    Non sapeva que si mangiavano questi fiori.
    A presto

    RispondiElimina
  16. ma che bel blog ho trovato, io che in Veneto ci abito, ma non da molto bello conoscere piatti veneti....verro' spesso a trovarti.

    RispondiElimina
  17. Che buone le frittelline, anche io le ho fatte qualche settimana fa...mia zia le fa anche con le violette e le rose...delicatissime
    Buona giornata
    Fra

    RispondiElimina
  18. Troppo buoni!
    Non sai quanti ne abbiamo mangiati!

    RispondiElimina
  19. daiiiiiiiiii questa è decisamente una novità sensazionale: mai sentiti prima.....devono essere originalissimi!!!
    Ciao e buona giornata!

    RispondiElimina
  20. Mai mangiati !!!! Chissa' che profumo ! Bravo Stefano, certo che sei un golosone eh !!! ;))

    RispondiElimina
  21. PASSA DAL MIO BLOG, SEI STATO NOMINATO PER UN MEME

    eee miiii, non volevo mica urlarti, ma sei troooppo bravo e ti ho nominato.

    Prova a fare questo frittino anche con i fiori di sambuco e di glicine.
    Mi raccomando devono essere grappolini ancora giovani, non invecchiati.

    RispondiElimina
  22. Ma tu mi insegni sempre qualcosa!! Non ho mai mai mangiato dei fiori fritti...chissà come sono, ora sono curiosa!

    RispondiElimina
  23. mai provati ma mi incuriosiscono parecchio!

    RispondiElimina
  24. Ciao Stefano, ma guarda, vedi che le trovi anche tu le genialate:D e chi lo sapeva che i fiori di acacia si mangiano? grazie per la dritta! Buona serata

    RispondiElimina
  25. unika: confermo Annamaria che sono una vera delizia. CIao ;))

    val: ciao Val, felice di conoscerti e grazie della visita. Passerò a trovarti presto. Ciao :))

    graziella: Graziella, si possono mangiare solo questo periodo dell'anno...approfittiamone! Ciao ;))

    sally: cara Sally, è uno di quei piatti locali che in altre aree è completamente sconosciuto. Anch'io da quando sono entrato in questo piccolo grande mondo ho scoperto moltissime cose nuove.
    Un abbraccio.

    mikamarlez: allora ti aspettiamo! Ora il tempo è un pò balordo, ma tra due settimane sarà senz'altro splendido. Ciao ;D

    mercè: Ciao Mercè, grazie della tua visita, se hai un blog, la prossima volta lasciami l'indirizzo in modo che possa ricambiare. Ciao :)

    blunotte: ciao e benvenuta in questo piccolo angolo di Veneto. Verrò a trovarti presto. Ciao :)

    fra: carissima Fra, ma vedi un pò! Proverò queste varianti alla prima occasione. Grazie e ciao.

    michela: siamo in due! Ciao ;))

    maddea: ciao Maddy, sono originali, facili e...buoni! Ciao :))

    emilia: qualche vizietto c'è l'ho anch'io! Ciao ;)))

    laura: li devi provare, se sei in veneto non ti sarà dificile trovarli. Ciao:D

    lilith: ciao streghetta Lilith, vale la pena provarli! ;)))

    Nepitella: qualche genialata viene in mente anche a me, anche se non sono certo stato io ad inventarli. Ciao ;D

    RispondiElimina
  26. nonlo sapevo che si potessero mangiare!!!!!!!! che idea......l'unica cosa ora è trovare un'acacia da spellare!! heeheheh notte pippi

    RispondiElimina
  27. Grazie Stefano sei sempre molto gentile.;-) Sally

    RispondiElimina
  28. GRAZIE DI CUORE! sei una pesona gentile e premurosa!!!
    le tue parole mi riscaldano il cuore... a presto!
    panettona

    RispondiElimina
  29. Ma lo sai che non sapevo si potessero mangiare? Questa poi! Spettacolare!Mi incuriosisce tantissimo.
    Da provare!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  30. ciao Ti ho invitato a fare un meme musicale ti va? passa da me un bacio pippi

    RispondiElimina
  31. pippi: certo, passo subito. Ciao

    sally: Ciao Sally, un abbraccio.

    panettona: gli amici di blog sono pur sempre amici.

    camalyca: ciao mucchetta pazza, per chi non li ha mai provati può sembrare un pò strano, ma ti assicuro che sono buonissimi.

    anicestellato: ciao Eleonora, Grazie 1000!

    RispondiElimina
  32. ciao...passa dal mio blog c'è un premio da ritirare:-) buona giornata
    Annamaria

    RispondiElimina
  33. Wow i fiori di acacia fritti? Non l'averi mai detto, ma mi piacerebbe conoscerne il sapore:-)Sono appetitosissimi:-)

    RispondiElimina
  34. era la merenda della mia infanzia... Stefano che bel ricordo mi hai fatto rivivere, andr per boschi a vedere se trovo ancor qualche fiore!!! buonissimi... ciaoo Ely

    RispondiElimina
  35. unika: ma grazie Annamaria, passo subito. ;D

    sweetcook: ciao, felice di conoscerti! Assomigliano ad una frittella, hanno un sapore più delicato ed il profumo vagamente floreale. Ciao e grazie del passaggio, ricambierò presto. :))

    ely: anche a me ricordano la mia infanzia. Sono affezionato a questo dolce. Ciao ;))

    RispondiElimina
  36. Qui in Emilia si fanno con i fiori di sambuco... stesso modo! Deliziose!

    RispondiElimina
  37. Stefano ciaoooooooooo!!!!
    Come stai? Volevo ringraziarti di cuore... sei sempre fra i commenti ai miei post con quella gentilezza che ti contraddistingue!
    Manco spesso, ma dei miei blog preferiti non mi dimentico e appena posso sono quì ;)
    Questi fiorellini fritti mi incuriosiscono molto... devono essere deliziosi!
    Ti abbraccio e ti auguro una buonissima serata!

    A presto, taty

    RispondiElimina
  38. Da bambina erano il mio "dolce del mese di maggio". Adesso non mi fido a farle, queste frittelle, perché non ho alberi abbastanza "puliti" a disposizione. Grazie per questo bel tuffo nel passato ^_^

    RispondiElimina
  39. Di la verità !
    ti sei chiuso in cucina per sperimentare !?!?

    RispondiElimina
  40. claud: ne ho sentito parlare dei fiori di sambuco. Da provare. Grazie della visita, ricambierò presto.

    Litah: ciao Taty, mi fanno sempre piacere le tue visite ed i tuoi commenti. Un abbraccio forte.

    elisabetta: infatti, ora bisogna cercarli nei campi o nei parchi, al riparo dall'inquinamento. Ciao

    Rosa Tea: magari!!!

    RispondiElimina
  41. questa è un autentica leccornia, andrò a caccia di alberi d'acacia

    RispondiElimina
  42. che ricetta originalissima :D io coi fiori -a meno che non siano di zucca- sono una frana :P
    buon weekend!!

    RispondiElimina
  43. Gunther K.Fuchs: Gunther, sono senz'altro da provare. Ciao, a presto.

    arietta: il procedimento è lo stesso dei fiori di zucca, non puoi sbagliare. Ciao Arietta :))

    RispondiElimina
  44. ....un fiore in bocca può servire sai, più bello tutto sembra!?!
    lo diceva anche Battisti.
    fiori fritti, bella idea!
    senz'altro da provare!
    bacioni.

    RispondiElimina
  45. giusy: ho riconosciuto i versi della canzone mentre leggevo, Battisti è uno dei miei cantautori preferiti. Ciao

    RispondiElimina
  46. interessante uso dei fiori di acacia, devo provare questa ricetta, complimenti!!!

    RispondiElimina
  47. oddio anche io ho pensato esattamente "non posso crederci"!!! eppure sono troppo curiosa. ma per servirli come dessert che salsa consiglieresti (visto che ci sei)? grazie!!!!!

    phabya

    RispondiElimina
  48. phabya: ciao e benvenuta, vengo a risponderti nel tuo blog. ciao

    RispondiElimina
  49. questa non l'avevo vista...ma sapete che ogni hanno li faccio anch'io li mangio da quando avevo 10 anni..buoni davvero...:D ciaooooo
    non sapevo che avesse questo nome io li conosco in modo diverso...baci ho postato anch'io tempo fa la ricetta buon carnevale..

    RispondiElimina
  50. Provate con la stessa ricette gli ombrelli di fiori di sambuco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E con i fiori di sambuco com'è il risultato?

      Elimina

Grazie della visita e del commento, risponderò nel tuo blog.
I commenti anonimi saranno rimossi.

Si è verificato un errore nel gadget

I miei premi - My awards

 

blogger templates