Al mio caro papà...

mercoledì 10 novembre 2010

Alluvione in Veneto


C'è poco da dire di fronte a simili tragedie, in pochi minuti l'acqua ed il fango hanno portato via anni di lavoro, certezze di una vita e la speranza per il futuro. Però non sono riuscite a portar via la dignità a queste popolazioni, che hanno faticosamente trovato la forza di rialzarsi, cercando di salvare il salvabile e rimediare per quanto possibile ai danni subiti. Moltissimi veneti più fortunati, in quanto risparmiati dal disastro dell'alluvione, si sono subito resi disponibili  e stanno aiutando gli abitanti dei comuni in maggiore difficoltà. Le immagini televisive non riescono a rendere pienamente l'idea di quale tragedia stiano vivendo quelle persone. Nemmeno i media nazionali ne avevano compreso subito la gravità.
La Regione Veneto ha istituito un conto corrente di solidarietà per le popolazioni alluvionate presso Unicredit Banca Spa. Chiunque lo desideri, può contribuire con un versamento con le seguenti coordinate:

Intestazione: “Regione Veneto – Emergenza Alluvione novembre 2010” – 
IBAN: IT 62 D 02008 02017 000101116078 



9 commenti:

  1. Caro Stefano, mi duole il cuore di vedere queste foto! sto pensando hai tanti sacrifici di questo popolo laborioso che ha fatto tanto per l'economia della nostra Italia, ora si trova in ginocchio...
    Credo che se la natura ritornerà ha portare il sole piano piano questa gente riprenderà forse ha vivere.
    Un abbraccio forte ,
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. hai ragione stefano,faro'girare anche io il link!!!

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Tutta la mia tangibile solidarietà per questa gente laboriosa, discreta, altruista, che si é già rimboccata le maniche.A persone così
    si da volentieri.

    RispondiElimina
  5. Abbiamo postato anche noi un appello e ci auguriamo che possa servire a sensibilizzare quante più persone possibile!
    Un abbraccio
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  6. Hai ragione Stefano, alcune volte non ci si rende conto della gravità delle cose ma basta poco per rimediare.
    Buon fine settimana :-)

    RispondiElimina
  7. Ciao Stefano ho seguito in Tv e sui giornali il disastro dell'alluvione; vedere persone che hanno lavorato una vita e poi hanno perso tutto è una cosa straziante. Il mare è fatto di tante goccie, con tante piccole goccie si puo' fare tanto. Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  8. Il triveneto e il Friuli, sono sempre stati batostati da carestie, alluvioni e terremoti.
    Speriamo che non accada più.
    Un abbraccione

    RispondiElimina
  9. Agli abitanti dei territori alluvionati va tutta la mia solidarietà. Anch'io metterò un link sul mio blog. E' il minimo che si possa fare.
    Un caro saluto,
    Rosa

    RispondiElimina

Grazie della visita e del commento, risponderò nel tuo blog.
I commenti anonimi saranno rimossi.

Si è verificato un errore nel gadget

I miei premi - My awards

 

blogger templates